Chi sono

Ti è mai capitato di chiederti: “E se finisse tutto adesso, hai fatto tutto quello che volevi fare?”

A me è capitato, la risposta è stata “No”. Ho deciso di partire.

Ma andiamo indietro di qualche anno..
Ero in Argentina, marzo 2012 quando ho avuto “la chiamata”.. La definisco così perchè quel momento ha segnato un prima e un dopo nella mia vita, il primo contatto vero, reale e sincero con le danze folkloriche argentine.
E’ stato esattamente da quel momento che inizia la mia storia d’amore con questo mondo e questa cultura, qualcosa che mi tiene connessa ad essa con un filo invisibile che si rafforza col passare degli anni.
In quell’anno ho iniziato i miei studi sul folklore argentino, all’inizio più storici e teorici, pratici come potevo poiché una volta tornata in Italia in quel tempo non c’era la possibilità di incontrare un vero maestro o maestra di folklore argentino.
Ho imparato le varie sfumature del folklore argentino dapprima attraverso montagne di libri che mi facevo recapitare dal Sud America, e sognando attraverso i documentari di “Canal Encuentro”. I miei viaggi annuali in Argentina di quel tempo non erano sufficientemente lunghi per permettermi davvero di immergermi col cuore in questa cultura, che solo successivamente avrei capito che non si svela subito, si fa un pò desiderare se vuoi andare nel profondo.

In questo primo tempo di ricerca e studio sentivo sempre che mancava qualcosa.. se il folklore è la “cultura di un popolo”, come si può pensare di capirlo davvero se non lo si vive nella quotidianità?

E’ stato proprio in quel momento che mi è capitato un fatto il quale mi ha portato a farmi quella fatidica domanda:

“E se finisse tutto adesso, hai fatto tutto quello che volevi fare?”
“No!”
Ed ho deciso di prendermi il tempo che per qualche scusa non mi ero mai presa, di farmi quelle domande che per qualche paura non mi ero mai fatta, ma soprattutto di dare ascolto alla chiamata che il mio cuore mi gridava ormai da un pò.

Finalmente inizio a programmare il mio viaggio per andare a imparare e vivere il folklore argentino nei suoi luoghi d’origine.

Da quel gennaio 2017 sono successe molte cose, ad oggi posso dire che negli ultimi 3 anni ho passato molto più tempo in Argentina che in Italia e il progetto “Adentroo!” ha preso la sua forma con i piedi ben saldi in due continenti:
In Italia diffondendo e insegnando la cultura e le danze del folklore argentino, organizzando eventi e concerti, rappresentando artisti argentini.
In Argentina raccontando attraverso il mio blog e le reti social, tutte le sfumature del folklore argentino e accompagnando tutti gli europei che lo vogliano scoprire in loco, ma soprattutto senza mai smettere di formarmi professionalmente per l’insegnamento del folklore argentino

Perchè Adentroo!!
“Adentroo!” Me lo sono ripetuta molte volte nei mesi prima della fatidica prima partenza.
Con questo grido inizia la danza, inizia il movimento nelle danze folkloriche argentine; con questo grido mi sono decisa a realizzare il mio sogno, a partire per il mio viaggio!
Ricordo ancora quel momento quando al grido della parola “Adentroo” anziché muovermi e ballare, rimasi lì, pietrificata davanti alla passione, all’intensità, alla storia che mi stava arrivando addosso; tutto in pochi secondi, alla velocità di un treno merci!
Adentroo!! Lo dico a voi a braccia aperte, se volete partire con me per questo viaggio nel folklore attraverso le danze, i ritmi, la storia, la cultura, i rituali e la spiritualità del folklore argentino.

La mia formazione

Il mio primo approccio con il folklore argentino avviene in modo spirituale, tanto è stato lo sconvolgimento emotivo che mi ha provocato quella danza e musica...

Elisa Pavin

I miei primi corsi di ballo risalgono alla mia adolescenza, quando era di moda il funky, poi sono passata al latino americano trascinata dei miei primi viaggi in questo continente, ma il mio primo contatto con il tango argentino risale al 2009.
E’ stato il mio grande coinvolgimento per questo ballo che mi ha portato per la prima volta in Argentina nel 2012, ed è stato nel marzo di quello stesso anno che l’incontro con il folklore argentino avrebbe marcato la mia vita come ho raccontato qui (link?)

Il mio primo approccio con il folklore argentino avviene in modo vorrei dire spirituale, tanto è stato lo sconvolgimento emotivo che mi ha provocato quella danza e musica.
Da quel momento è iniziato il mio studio ininterrotto fino ad oggi. Dall’Italia in quei tempi non c’erano grandi opzioni per studiare con veri maestri, mi sono affidata ai libri comprati io stessa in Argentina, o che qualche amico mi inviava e poi con i bellissimi documentari di Canal Encuentro.
Dal 2012, quando mi sono fermata a Buenos Aires 4 mesi, ho iniziato a viaggiare in Argentina per studio tutti gli anni, finchè nel 2017 sono iniziati i miei soggiorni lunghi, specificatamente per lo studio del folklore.

Come dico sempre durante le mie lezioni, quando si vive a Santiago del Estero non ci sono lezioni che hanno un inizio o una fine, o meglio le lezioni di danza naturalmente sì, ma le lezioni di folklore a 360’ gradi sono continue se ci si predispone con ascolto e apertura. Personalmente ho sentito di aver ricevuto degli insegnamenti preziosi e unici mentre si prendeva il mate seduti in un patio, mentre attendevo le empanadas e la signora nel frattempo mi mostrava casa sua, in fila per entrare in banca con il vecchietto davanti a me, tutta la città e tutta la sua gente hanno contribuito alla mia formazione.

Qui vi menziono i miei soggiorni di studio in Argentina ad oggi, marzo 2021 ed in seguito i maestri con cui ho avuto il piacere di studiare.

I miei soggiorni studio

2013

5 mesi

2013

2015

1 mese

2015

2017

8 mesi

2017

2018

6 mesi

2018

2019

7 mesi

2019

2020

3 mesi

2020

I maestri che hanno marcato la mia formazione.

  • Uno su tutti Juan Saavedra e la sua famiglia che per mesi mi hanno accolta a casa loro tutte le sere per trasmettermi i loro insegnamenti, non solo tecnici ma anche e soprattutto spirituali e storici sul folklore argentino.
  • Una maestra con cui ho studiato molto è stata Cynthia Fattori, soprattutto dal lato dell’espressività della zamba.
  • Con Yago Saavedra ho avuto la possibilità di avvicinarmi allo studio delle boleadoras.
  • Matias Bogado e Ana Percincula avvicinamento al Chamamé
  • Elias Abalos, danze jujeñas
  • Miguel Serrano y Adela Saavedra, zamba santiagueña tradizionale
  • Ricardo Andres Baigorria, zapateo
  • Emilio Cornejo, zapateo
  • Ramon Salina, danza folklorica di impronta accademica
  • Candelaria Torres, danze coreografiche
  • Nazareno Saavedra, percussioni con bombo leguero
  • Horacio Roman Quispe, cultura e tradizioni delle danze salteñas, zamba carpera, cueca, malambo.
  • Mariana Mariñelarena, percussioni con bombo leguero
  • Javier Gardella, zamba estilizada
  • Florencia Vijnovich, ritmica, danze andine, danze de proyeccion, zapateo, formazione all’insegnamento del folklore argentino.
  • Gaby Ayala, cosmovision andina, filosofia della danza e la musica dei popoli nativi, formazione all’insegnamento del folklore a partire dai significati e dai rituali.
  • Juan Ignacio Jalafella, bionergetica
  • Peteco Carabajal, musica, percussioni con bombo leguero, storia, cultura e tradizioni.

Attualmente in corso di studio:

Diplomatura en danza “Desvelando Nuestras Raices” con Escuela Argentina de Formacion Profesional de bailarines. Insegnanti: Gaby Ayala, Javier Bautista, Gaby Fabro, Silvia Zerbini, Caridad Machado Toledo.

Attività di manager

  •  Rappresento per l’italia il musicista argentino Peteco Carabajal di cui ho organizzato la tournée europea nel 2019. 🔗  A questo link vi racconto passo passo la tournée.
  • Attività virtuali durante la pandemia
    • Dicembre 2020, ciclo di maestri argentini invitati, lezioni virtuali di approfondimento con 4 maestri diversi su 4 temi distinti: Ritmica, Zarandeo, Zapateo, Cosmovisione linguaggio della danza.
    Attività in presenza durante la pandemia
    • 10 Ottobre 2020. Conferenza al Mudec – Museo delle Culture nell’ambito della mostra “Mi cama es un jardin, tessuti delle donne Quichua del monte santiagueño”. La conferenza aveva questo tema: Lezione / Conferenza: la danza e il folklore di Santiago del Estero. 
    Insegnamento stabile di folklore argentino pre-pademia ecco un link delle attività del passato: https://adentroo.com/2019/12/15/lezioni-di-folklore-argentino-riflettiamo-su-questi-ultimi-mesi-del-2019/
    Torna su