Sólo para hombres… si parla di Malambo!

Siamo nel 1600, Provincia de La Pampa, nasce una danza folklorica molto affascinante, ad esclusivo dominio degli uomini. Questi, accompagnati dalla musica di una chitarra e di un bombo…iniziano a ballare, o meglio a sfidarsi, a colpi di malambo!

Dal punto di vista tecnico il malambo è sicuramente una danza che più di tutte richiede studio e allenamento, soprattutto per piedi, caviglie e gambe.

L’uomo fa una serie di movimenti combinati tra loro, chiamati “mudanza” o “zapateo”, i quali sono separati da un altro movimento chiamato “repique”; la combinazione di tutto questo dà vita al malambo.

La sequenza non è fissa ma dipende dalla creatività e originalità del gaucho che la esegue, con un’unica regola però, ogni zapateo deve essere di “ida y vuelta”, ovvero ciò che si fa con la gamba destra deve essere ripetuto anche con la sinistra!

La postura per il malambo è molto importante, non solo per l’equilibrio e l’estetica, ma proprio perché la natura della danza lo richiede, la stessa espressione della faccia è seria, determinata, ad esprimere forza, coraggio. Attraverso questa danza l’uomo esprime il suo essere, la sua abilità e il suo temperamento, diciamo pure la sua virilità!

Dalla pianura pampeana il malambo si è diffuso poi rapidamente nelle varie provincie del paese, arricchendosi di caratteristiche che lo differenziano da regione a regione..

Prevalentemente si riconoscono due diversi tipi di malambo, il norteño e il sureño che si distinguono per il genere di musica, i vestiti che indossano i gauchos, e l’apparenza del zapateo.

Il malambo, che nasce comunque come una sorta di competizione tra due uomini, può essere messo in scena in differenti forme:

Solista di malambo, come suggerisce la parola, una sola persona segue la danza.

Conjunto de malambo, la danza è eseguita da tre o più persone che compiono insieme gli stessi movimenti nello stesso tempo.

Conjunto combinado de malambo, è una forma recente, lo stesso gruppo esegue movimenti diversi.

Contrapunto de malambo e Contrapunto de cuarteto, questi ultimi sono forse i più interessanti, perché la competizione è molto alta, nel primo due sfidanti singoli eseguono gli stessi movimenti, nel secondo si sfidano due gruppi composti da quattro persone, in entrambi vince il migliore (singolo o gruppo), ovvero chi esegue i movimenti in modo impeccabile.

dsc_5393_large

Il malambo anche oggi vive più che mai, sicuramente ha conosciuto un’evoluzione che in alcuni casi lo ha portato ad essere molto spettacolare e coreografico. I “malambistas” si allenano come qualsiasi altro atleta sportivo. La competizione più tradizionale e simbolica è il Festival Nacional del Malambo di Laborde, che quest’anno giunge alla sua cinquantesima edizione.

fernando-desanti
Fernando DeSanti, campione di malambo 2016. Foto www.tinogastaesnoticias.com

Foto: www.festivaldelmalambo.com.ar

potrebbe anche interessarti...

.

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on telegram
24 Febbraio , 2020
Magazine di informazione di Santiago del Estero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su