Fabricio Rodriguez

Elisa invita, Fabricio Rodriguez!

Fabricio Rodriguez è un cantautore e un virtuoso armonicista nato a Villa Maria, provincia di Cordoba, Argentina. Durante i famosi “Festivales de Verano” Fabricio Rodriguez non solo riempie i teatri dove delizia con la sua armonica ma fa anche impazzire le ragazzine innamorate del suo bell’aspetto e i tatuaggi in vista!

Ha collaborato con molti artisti argentini tra cui Leon Gieco, Alejandro Lerner, Abel Pintos.

Il suo interesse per diversi generi musicali lo ha portato a interpretare vari stili come il rock, il country, musica celtica, blues, tango e folklore. Lui stesso dichiara di ascoltare diversi generi musicali e proprio in onore a questi a composto un piccolo pout purrie con la sua armonica che ci fa fare il giro del mondo. Guardatelo a questo link al Festival di Jesus Maria.

Ha 7 dischi all’attivo e ha partecipato a numerosi concerti all’estero e nei più importanti festival argentini.

Fabricio è diventato una delle nuove proposte del folklore e la musica popolare argentina, ha ottenuto menzioni molto importanti come “Revelación” nel 2012 nel Festival Nacional de Doma y Folclore de Jesus Maria, e nello stesso festival il premio “Consagración” l’anno seguente.

Ho avuto modo di conoscere Fabricio Rodriguez personalmente in occasione di questa intervista e abbiamo passato molto tempo a chiacchierare su quella che è la visione del folklore argentino nel mondo tra accezioni tradizionali e spinta moderne, ne ho scoperto una persona sensibile e disponibile, con un bagaglio culturale musicale enorme. Non so se lo si possa annoverare tra il “folklore argentino” sicuramente tra la musica attuale argentina, senza dubbio la contaminazione musicale è il suo talento e cavallo di battaglia!

Fabricio Rodriguez

.

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su telegram

Scopri gli altri artisti intervistati nel ciclo Elisa Invita:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti è piaciuta questa intervista?

Sostieni questo progetto con una libera offerta simbolica.
Dona