Il ritorno al folklore argentino, di nuovo a Cosquin!

Contenuti:

Dall’Italia all’Argentina, non solo un cambio geografico ma mentale

Gennaio 2020. Quest’anno sono arrivata a Cosquin il giorno prima che inizi il festival, non vedevo l’ora che si compisse il mio ritorno al folklore argentino.  Ho lasciato a Buenos Aires la frenesia dei preparativi di Riendas Libres, per cui sto lavorando, e ci siamo dati appuntamento di lì a pochi giorni. Arrivavo dall’Italia stanchissima, gli ultimi mesi erano stati intensi, belli sicuramente, ma avevano assorbito tutte le mie energie e il lungo viaggio in aereo e poi in autobus è stato un momento per cercare di fare un punto zero, mettere in stand by la velocità del “primer mundo” e ritrovarmi, da sola, con i miei obiettivi, con le cose mi piacciono.

La tana llegò otra vez!

Nonostante da oltre due settimane si stesse facendo il PreCosquin, l’atmosfera di preparativi che c’era nell’aria era particolarmente frizzante.Sono arrivata prima perchè ieri iniziava un seminario intensivo di folklore argentino con il ballerino e insegnante Eduardo Peque Coria. Il luogo che già conoscevo molto bene, è il Club Tiro Federal, dove ogni anno si fa la peña “La Fiesta del Violinero” organizzata da Nestor Garnica, infatti trovo proprio lui all’entrata che mi riconosce: “La tana llegò otra vez!” .

Indimenticabile la mia intervista con lui, e chi l’ha persa la può trovare a questo link.

ritorno al folklore argentino Nestor Garnica

Il ritorno al folklore

La prima lezione è stata davvero interessante, si tratta di lezioni in cui si riprendono concetti basici del folklore argentino, come il passo e la ritmica, ma rivolto a ballerini già esperti.  Sono state due ore solo a ritmo del bombo leguero e da lì, passo basico con alcune variazioni e infiniti approfondimenti di ritmica, con tempi e contrattempi molto sfidanti, a questo si aggiungeva una temperatura di quasi 30°C.

La sfida di oggi nel folklore argentino

Quello che mi ha sorpreso e nello stesso tempo mi ha emozionato è stato il ritorno ai concetti semplici del folklore argentino.
In epoca di grandi performance, dove quasi si esaspera il folklore “de proyeccion” e i ballerini a volte competono a chi fa la variazione più originale o la terza piroetta consecutiva, si sacrifica quella che è l’anima del folklore, ovvero la sua origine tribale e la magia e allegria dell’incontro e connessione con chi balla con me.
La vera sfida oggi è conservare le radici, ritornare alla bellezza del ballo semplice, e non dimenticarlo in nessun passo.

“No nos olvidamos que lo lindo de esta danza es el ritmo tribal y la magia del encuentro entre nosotros”. Eduardo Peque Coria

Fin dal primo passo ho capito di quanto avevo bisogno di ritrovarmi qui, al primo repique di bombo avevo già dimenticato tutti i nervosi che mi venivano negli ultimi mesi in Italia vedendo i “maestri dell’ultimo minuto”.
Non c’era più nulla in quel salone, solo io, il mio respiro, il gruppo, e un benedetto bagno di sudore che mi ha fatto eliminare tutte le tossine.
Adesso sì posso dirlo: “Bentornata Elisa!”
ritorno al folklore argentino lezione

 

Condividi l'articolo
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su telegram
Potrebbe anche interessarti...
24 Febbraio , 2020
Magazine di informazione di Santiago del Estero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.